College- Domodossola 51-71  (14-26; 14-20; 6-17, 17-8)

Domodossola: Brocca 20, Guglielmazzi 8, Sacchi, Di Canio, Cerutti, Guaglio 14, Bernardi 3, Lenzi 7, Cuzzolin 17, Camerlengo. All: Petricca

College: Bene 7, Milanoli 2, Tombesi, Frontera, Fasola, Baldini 5, Battioli ,Sgarrella 19, Fara 2, Di Muro 16. All: Scaglia

La seconda fase inizia nel peggiore dei modi per i ragazzi del College. Reduci da un lungo e forzato stop di un mese dalla trasferta di Verrone, ospitavamo Domodossola in casa, con uno score a favore di 2-0 nella prima fase. Tutto si poteva immaginare tranne quel che è realmente accaduto sotto gli occhi increduli degli spettatori del PalaBonfantini. I locali hanno una partenza sonnolenta che li porta ampiamente sotto alla prima pausa. Nel secondo periodo la situazione, purtroppo, non migliora. Anzi. Gli ospiti trovano sin da subito canestri facili, complice un difesa pigra e svogliata dei novaresi che condizionerà tutto il resto del match. I nostri avversari sembrano lontani anni luce da quelli dominati al Bonfantini, mentre i novaresi non trovano mai una soluzione efficace ai problemi. Si va così alla pausa lunga abbondantemente in vantaggio, ma con la consapevolezza che peggio di così sia veramente difficile giocare. Purtroppo la consapevolezza scivola via col rientro delle compagini dagli spogliatoi. L’attacco locale che fin ora aveva faticato, scompare dal campo (per il primo punto a referto occorrerà attendere ben oltre la metà del periodo) e lascia vita facile agli ospiti che, come preventivabile, calano dal punto di vista fisico. Il quarto periodo è quello del tentativo di rianimare il malato. Dopo aver superato anche il -30, i nostri mettono l’orgoglio in campo e ricuciono in parte il gap, portandolo sul -20 finale che ci potrebbe permettere di recuperare lo scontro diretto in trasferta.

Fatto curioso da segnalare: la panchina ospite e tre giocatori si sono presentati in palestra a poco più di 5′ dal salto a due.

I nostri ragazzi devono imparare a mettere in campo il gioco di squadra per tutta la durata della partita, non solo quando si ricordano! Dal (poco) gioco di squadra intravisto sono scaturite ottime azioni che ci hanno portato a conclusioni facili ad alte percentuali. Se ritorneremo ad essere quella squadra coesa e compatta che si è vista a inizio stagione, ci toglieremo ancora tante soddisfazioni.